Un piccolo Cookie? nomadsister_logo

Presso NomadSister, ci impegniamo a proteggere la privacy dei nostri utenti.

Ci impegniamo a proteggere le informazioni personali che condividi con noi quando utilizzi il nostro sito.

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e personalizzare i contenuti che ti presentiamo.

Tuttavia, non condividiamo mai le tue informazioni con terze parti senza il tuo consenso preventivo.

Va bene per te?

Puoi specificare qui quali cookie accetti:

ga_logo
Google Analytics
Consente di misurare il traffico sul sito
No grazie
Scelgo
Accetto tutto
Indietro
Accetto tutto
Fine
Iscriviti alla Newsletter

Avventuriere d'oggi: una corsa contro gli stereotipi femminili

article-photo-801

 Se dico avventuriero, probabilmente penserai ad un ragazzo barbuto con uno zaino, un coltellino svizzero e che ha appena trascorso una settimana da solo, giusto? Una sorta di Indiana Jones senza il tesoro nascosto.

Ma ti sei mai chiesta chiesta perché?

Perché questa visione di un avventuriero amante del pericolo è attribuita direttamente a un uomo?

Dopo tutto, Lara Croft è anche un'avventuriera

Cos’é un “Avventuriero”? Ecco dove si nascondono gli stereotipi femminili

Avventuriero o Temerario.JPG
Quando dico avventuriero, non intendo dire necessariamente un tipo temerario e spericolato come nei film d’avventura con personaggi impavidi alla ricerca di un tesoro, la cui trama è solitamente esagerata e che finiscono sempre per farla franca. Ma se prendiamo l'esempio di un vero avventuriero, non significa che sia un temerario spericolato. 

Naturalmente, ci sono persone che sono alla ricerca del tesoro della loro vita e che esplorano il mondo seguendo mappe e sentieri di ogni tipo, anche nella realtà. Queste persone hanno un profilo più da avventurieri che da temerari, anche se possono essere entrambe le cose.

Tuttavia, non è necessario trovarsi nel mezzo di una città perduta per impersonarlo.

L'avventuriero non è necessariamente un esperto, ma vive anche la propria avventura, un'avventura legata a uno o più motivi che lo hanno spinto a viaggiare.

L'immagine dell'avventuriero, un antico archetipo

Un vecchio archetipo.JPG
Quando parliamo di forza, coraggio e persino di eroi, abbiamo sempre attribuito questi aggettivi a personaggi maschili. Lo stereotipo dell'uomo forte che affronta tutti i pericoli per salvare la sua bella in pericolo, i soliti stereotipi femminili insomma. L'avventuriero, l'eroe, che salva la città da un pericolo imminente e viene poi ringraziato da tutti per il suo coraggio.

Anche se prendiamo i fatti reali, le forze dell'ordine, i militari, i vigili del fuoco per molto tempo e ancora oggi sono rappresentati perlopiù da uomini. 

Un atto di coraggio, una traversata avventurosa e pericolosa di un paese, di cui solo un uomo può essere l'autore.

Questa idea si è radicata da tempo nella mente di tutti, veicolata dalla cultura popolare. Anche in ciò che viene trasmesso ai giovani senza necessariamente volerlo. 

Se prendiamo il semplice profilo del nostro caro Indiana Jones: un uomo moderno, un professore che nasconde in sé un vero avventuriero, ci troviamo ancora una volta di fronte al ritratto di un uomo associato alla forza e all’audacia. Per questo il suo arrivo ha ispirato e  continua ad ispirare molti uomini e ragazzi.

Purtroppo, l'unica rappresentazione femminile in questi film è attribuita alla donna che il nostro caro avventuriero deve salvare, poiché non è in grado di salvare se stessa, un'accozzaglia di vecchi stereotipi femminili. Jones è l'uomo forte, che deve riparare i danni, salvare la civiltà e, perché no, far innamorare perdutamente una o due donne. La donna serve come trofeo.

Al di là dei film in cui le ragazze hanno difficoltà a identificarsi, anche i giochi e i giocattoli venduti a sua immagine e somiglianza non aiutano. Il cappello da avventuriero, il coltello attaccato alla cintura e persino la frusta per contrastare gli avversari: il kit perfetto per l'avventuriero. Ma ancora una volta, la pubblicità è adattata ai ragazzi e non permette alle ragazze di ritrovarsi nel personaggio. 

Un’immagine deplorevole che viene attribuita alle donne nella società, che non lascia loro scelta su ciò possono o non possono fare o essere. 

Potresti pensare che questo non abbia alcun impatto reale, ma se per tutta l'infanzia ti avessero detto che questi giocattoli non erano per te, che erano una cosa da maschi, ti sarebbe venuta in mente l'idea di diventarlo in futuro? O saresti sprofondata in questi stereotipi femminili?

Al di là del povero Jones, con cui forse sono stata un po' dura, se prendiamo l'esempio dei film d’avventura, sono pressoché sempre uomini. Into the Wild, 127 ore o anche Crocodile Dundee hanno tutti come protagonista un uomo che dimostra la sua forza attraverso il suo viaggio. 

Riuscirà la società a rompere la percezione dell'uomo forte e della donna in costante difficoltà?

Una società in evoluzione?

Avventuriera indipendente.JPG
Negli ultimi tempi la società sta cercando di dare un'immagine più forte alle donne. Purtroppo, i primi tentativi non sono stati utili allo scopo come nel caso, ad esempio, della Lara Croft dei videogiochi, grande avventuriera incarnata da Angelina Jolie nel 2001 nell'omonimo film. L'idea di creare una donna forte è certamente presente, ma la rappresentazione ipersessualizzata di lei con un seno prominente e un corpo da sogno non aiuta molto a portare avanti la causa, ma chiaramente incrementa la distanza e gli stereotipi femminili.

Anche in questo caso, il personaggio non è stato progettato per le donne, ma piuttosto per attirare gli uomini...

Lo stesso vale per i racconti di viaggio. Non si pensi che Into the Wild sia stato l'unico film a raccontare un'esperienza di avventura. No, nel 2013 e nel 2014 sono usciti i film Tracks e Wild, due pellicole che raccontano la storia di un'avventuriera, in solitaria l'una e in compagnia di compagni di viaggio l'altra. Tuttavia, nonostante la bellezza del loro viaggio, la loro storia non ha avuto lo stesso successo di quella raccontata da un uomo.

Ma come si dice, si impara dagli errori. Si vede che la nostra società sta crescendo e sta cercando di imporre la donna come uguale all'uomo, capace di fare tanto quanto l'uomo, perché è così, sia al cinema che nelle pubblicità dove ciò che viene insegnato alle ragazze è stato rivisto e paga.

Se prendiamo come esempio il nuovo film di Lara Croft uscito nel 2018, la giovane donna che sfida i pericoli è più comune, corrisponde alla descrizione e qui è molto meno sessualizzata. Le ragazze possono identificarsi un po' di più con lei, con la sua storia e con il coraggio che dimostra.

Anche i giocattoli sono sempre meno di genere, anche se c'è ancora margine di miglioramento. Questo può essere considerato strategico da un punto di vista economico, ma non biasimiamo nessuno per aver finalmente fatto un passo avanti verso l'uguaglianza. L'apertura mentale consente alle aziende di raggiungere un nuovo gruppo target, desideroso di essere preso in considerazione.

La società sta cambiando, così come i costumi e la cultura popolare. Questa volta le donne vogliono essere percepite in modo diverso. Non sono più da salvare, non sono più semplici trofei. Le donne sono al centro dell'azione. In realtà lo sono sempre state, ma ora è arrivato il momento di parlarne. 

È tempo di cancellare quegli stereotipi femminili, di dimostrare agli uomini che le donne sono loro pari e che anche loro possono essere grandi avventuriere. 

Allora Jones, sei pronto a lasciare il tuo posto?

E domani?

La donna di domani.JPG
O meglio, oggi, perché il nostro domani si costruisce oggi e ha già iniziato a cambiare.

Oggi non c'è bisogno di gadget di alcun tipo, per la città proibita. I viaggi on the road, il couchsurfing e i viaggi in solitaria per qualsiasi motivo o scopo fanno di voi un’avventuriera. 

L'avventuriera di oggi sei tu. Che tu abbia 20, 40 o 60 anni, che tu sia più un tipo da dormire in albergo piuttosto che da un'abitante del posto o che tu voglia viaggiare con le amiche, devi soltanto sapere come sei fatta per soddisfare le tue esigenze e le tue ambizioni senza paura.

Perché oggi sono in maggioranza le donne a viaggiare da sole e non gli uomini, con il 60% di loro che intraprende l'avventura. Secondo uno studio, tra il 2015 e il 2017, le donne che hanno viaggiato da sole sono state il doppio degli uomini. Questi numeri possono sembrare niente, ma dimostrano un cambiamento totale nella mente di tutti, ma soprattutto delle donne. Sono l’eco di una riappropriazione della propria identità, ben lontane da quegli stereotipi femminili che frenavano le donne di un tempo.

Sono nati gruppi a sostegno dei viaggi in solitaria delle donne, sono state create piattaforme di couchsurfing sicure e sono stati creati hashtag sulle reti, per rendere i viaggi in solitaria delle donne un vero e proprio movimento. Per ispirarsi alle storie degli altri e per far sì che le donne di oggi non abbiano più paura di avventurarsi da sole. Che queste stesse donne dimostrino al mondo, ma soprattutto a se stesse, la forza che hanno dentro. 

Molte di loro aprono addirittura dei blog sui loro viaggi e cercano di ispirare tutte quelle donne che non osano viaggiare da sole, spiegando loro come viaggiare da sole come donna, dando loro consigli di viaggio o testimonianze di esperienze dopo un ricco viaggio in Bulgaria.

Denunciano anche il sessismo presente nei viaggi in solitaria, alcune si battono contro i problemi incontrati su piattaforme di couchsurfing inadatte, altre contro i commenti sprezzanti, ma danno anche le loro regole di sicurezza per il viaggio in auto. Alcune parlano anche della violenza contro le donne nel mondo e vedono nel viaggio in solitaria una via d'uscita.

Le avventuriere di oggi prendono il potere, decidendo dove e come viaggiare. Ispirano, responsabilizzano, si liberano del loro carico mentale e vivono la loro vita al massimo senza che un uomo, mosso dagli stantii stereotipi femminili,dica loro cosa fare o come farlo. Le avventuriere di oggi sono tutte quelle donne che decidono di viaggiare, donne di cui potresti far parte, che non hanno nulla da invidiare a Indiana Jones o Lara Croft. Donne come Patricia.

Siamo sulla strada giusta, le donne si stanno riprendendo i loro diritti, il loro posto viene valorizzato. Sono questi piccoli passi che formeranno un grande avanzamento, quindi per oggi ma anche per tutte le generazioni future, continuiamo a emanciparci, in modo che le ragazze di domani non debbano nemmeno porsi il problema di dove o come viaggiare. 

In modo da non doverci più chiedere se saremo al sicuro o meno. 

Siamo libere di essere chi vogliamo, di essere quell'avventuriera che sogniamo e di andare dove vogliamo senza farci troppe domande, camminando a testa alta.


Traduzione a cura di Luca Rullo.

 

VIAGGIO| STILE DI VITA| AVVENTURA
profile-photo-5

L’equipe della redazione:

Grandi viaggiatrici o donne che osano l’avventura per la prima volta, l’intera redazione di NomadSister ama viaggiare e vuole mettere a vostra disposizione la sua esperienza per consigliarvi al meglio e aiutarvi, anche attraverso queste note così da potervi donare un nuovo paio d’ali.

Chi siamo?

Articoli consigliati